Benvenuto in islamvicenza.it

COMUNICAZIONI

Per fare donazioni al centro islamico, il codice IBAN è il seguente: IT89KO622511814625001885378 Baraka Allah fykom.

Il centro culturale islamico di Vicenza condanna l'attentato all'università di Garissa in Kenya.

APPUNTAMENTI


ISLAMVICENZA SU YOUTUBE


ISLAMVICENZA SU VIMEO


COMUNICAZIONE ISCRIZIONI ANNO SCOLASTICO 2015/2016

LE ISCRIZIONI INIZIERANNO DAL 1° APRILE 2015 FINO AL 31 MAGGIO 2015. Per ulteriori informazioni contattare il fratello ABDESLAM. (N° TEL:3381939751)

DOCUMENTAZIONE RICHIESTA:
- TESSERA SANITARIA;
- 02 FOTOTESSERE;
- NUMERO TELEFONICO;
- I NUOVI ISCRITTI DEVONO AVERE MINIMO 06 ANNI (NATI PRIMA DEL 01/10/2009);
QUOTA D’ISCRIZIONE:
- 80 PER 01 BAMBINO/A;
- 140 PER 02 BAMBINI;
- 210 PER 03 BAMBINI;
- 280 PER 04 BAMBINI;

L’impegno del genitore dì rispettare il regolamento interno della scuola soprattutto il DIRITTO DI ESPULSIONE dello studente dalla scuola in caso di ASSENTEISMO dal corso TRE (03) VOLTE CONSECUTIVE SENZA VALIDO MOTIVO.

Nota: per i bambini della stessa famiglia è possibile che alcuni di loro studieranno il sabato e altri la domenica in base alla disponibilità della scuola.

"La notte della luce"


INCONTRO SUL TEMA MUSULMANI, VOSTRI CONCITTADINI, COLLEGHI, COMPAGNI DI SCUOLA 13/04/2015


La violenza, rifiuto di Dio 15/03/2015


SERMONI DEL VENERDI

Sermone (10/04/2015)


Islamici raccolgono fondi contro la violenza sulle donne (di Gian Maria Collicelli)


VICENZA - Hanno già raccolto oltre mille euro in due anni. E continueranno a farlo, attraverso eventi e gazebo nelle piazze. «Perché l’Islam non prevede di maltrattare le donne» dice Riad Krika. Lui, presidente del Centro culturale islamico «Ettawbavi» di Vicenza, è a capo della realtà che partecipa agli eventi programmati dal Comune per la festa della donna del prossimo 8 marzo. Ma non solo. Il centro del capoluogo berico ha organizzato una raccolta fondi per il Centro antiviolenza, la realtà comunale istituita per dare aiuto e sostegno alle persone – specialmente alle donne – vittime di violenze.

«Per noi non è un’attività insolita – spiega Krika – è già il terzo anno che partecipiamo in modo attivo in favore del centro antiviolenza». Dal 2013 i fedeli musulmani vicentini di «Ettawbavi» organizzano attività per raccogliere risorse in favore dello sportello comunale, quasi a voler confutare la tesi – sostenuta da molti – secondo cui la religione islamica sarebbe nemica delle donne. «Non è vero – ricorda Krika – i testi sacri predicano il rispetto di ogni essere umano. Ma l’ignoranza delle persone e la non conoscenza dell’Islam contribuiscono alla diffusione di questi concetti distanti dalla realtà».

Dei circa 14mila musulmani presenti nel Vicentino, un terzo sono donne. E fra loro, a detta dello stesso presidente di «Ettawbavi», ci sono vittime di violenze. «Certo che ci sono uomini musulmani che maltrattano le donne – afferma Krika – ma questo non dipende dalla religione. Perché la violenza è un atteggiamento sbagliato a prescindere dalla religione di chi la compie». In due anni di attività, il centro islamico ha raccolto circa 1.200 euro in favore dello sportello antiviolenza e quest’anno, in occasione dell’8 marzo, ecco nuove iniziative: domenica porte aperte della moschea vicentina di via Vecchia Ferriera «per parlare e confrontarsi sull’attualità e sul mondo femminile», mentre l’8 marzo un gazebo in piazza dei Signori offrirà dolci, bevande e pane arabo in cambio di un’offerta destinata al centro antiviolenza. «Il centro culturale islamico – spiega il consigliere comunale delegato alle Pari opportunità, Everardo Dal Maso – è una delle venti realtà attive nella raccolta fondi contro la violenza: risorse fondamentali per finanziare l’attività di formazione nelle scuole».


SERVIZIO TVA SUL SERMONE DELL'IMAM
Condanna degli attentati di Parigi (9/01/2015)



Curiosità


"La responsabilità nell'Islam" (8/11/2014)

I giovani sono il futuro di ogni nazione ed è per questo motivo che l'investimento per la loro preparazione è fondamentale, il centro culturale islamico di Vicenza ha organizzato un incontro per aiutare i giovani ad essere componenti attivi nel presente e nel futuro. Il tema era "la responsabilità" e la fortuna di avere come oratore haj Omar (Adriano Frigo) che ha fatto degli interventi per coinvolgere i nostri giovani, jazah Allah kollo kheir.

Dialogo inter-religioso 27/10/2014

Il centro culturale di Vicenza ha ospitato un evento organizzato dalla diocesi di Vicenza con la collaborazione del consiglio islamico della provincia. L'associazione mani-insieme e religione insieme nell'ambito della giornata nazionale del dialogo inter-religioso. E' stata una bella serata nella quale sono emersi dei temi sul rispetto reciproco, tolleranza e collaborazione per applicare i principi comuni dell'Islam e del Cristianesimo nella vita quotidiana.


SERMONI DEL VENERDI

Sermone (03/04/2015)

Sermone (27/03/2015)

Sermone (20/03/2015)

Sermone (13/03/2015)

Sermone (06/03/2015)

Sermone (27/02/2015)



Sermone (29 agosto 2014)

Sul giornale di Vicenza di oggi (30/08/2014), è stato pubblicato un articolo relativo al sermone di ieri (29/08/2014)


EID AL ADHA


Nel nome di Allah, il Clemente, il Misericordioso, che Allah sia lodato e la pace e la benedizione siano sul profeta Mohamed e su tutti i profeti e gli inviati. Attesto che non c'è altro dio all'infuori di Allah e attesto che Mohamed è il suo servo e messaggero.

LA FESTA DEL SACRIFICIO.

Fratelli e sorelle nella fede, Allah è il più grande, lode all'onnipotente che con la sua misericordia ci ha consentito di celebrare la festa del sacrificio, tutta la nazione islamica ha messo la sua impronta e adesione alla grande nazione dell'islam. Oggi siamo riuniti, in varie comunità e appartenenza, con addosso i nostri vestiti più belli, per marcare questo importantissimo evento. Oggi siamo di fronte a delle sfide controcorrente, che in nome della religione macchiano l'islam con degli atti e comportamenti che sono estranei ai principi sani dell'islam, che predica sempre il dialogo, la tolleranza ed il rispetto del diverso, i gruppi fanatici che si presumono musulmani stanno commettendo, in nome dell'islam dei crimini inauditi , e noi dal pulpito del profeta Mohamed (che la pace sia su di lui) condanniamo questi atti e ci dissociamo senza esitazioni ne dubbi.
Il musulmano ogni giorno e per cinque volte inizia le sue orazioni citando " in nome di Allah il clemente, il misericordioso", Allah (gloria a lui l'altissimo) dice nel Corano (a proposito di Mohamed) « ti inviammo come misericordia per tutta l'umanita).»
Noi musulmani di Vicenza abbiamo un compito gravoso, quello di far pervenire un messaggio di pace ai nostri concittadini di Vicenza.
Fratelli e sorelle, il rito principale di questa festa è il sacrificio dell'animale, che deve essere fatto subito dopo la celebrazione della preghiera, erogando il sangue dell'animale, il fedele allontana gli eventuali mali che potrebbero accadergli e segna la sua appartenenza alla nazione del padre dei profeti Abramo ( su di lui la pace), prima di sacrificare l'animale ci sono alcune regole da osservare:
- bisogna nascondere il coltello dalla vista dell'animale.
- dobbiamo affilare molto bene la lama del coltello affinché l'animale non soffra.
- non bisogna dimenticare di donare un terzo dell'animale ai vicini di casa ( italiani compresi) e l'altro terzo ai poveri e bisognosi.
- la macellazione deve essere eseguita rispettando le leggi vigenti in questo paese.
Alla fine raccomandiamo i fedeli di visitare gli ammalati, di chiedere notizie dei famigliari e di riconciliarsi con le persone con le quale abbiamo avuto dei problemi .



ATTIVITA

Dialogo inter-religioso 27/10/2014

Il centro culturale di Vicenza ha ospitato un evento organizzato dalla diocesi di Vicenza con la collaborazione del consiglio islamico della provincia. L'associazione mani-insieme e religione insieme nell'ambito della giornata nazionale del dialogo inter-religioso. E' stata una bella serata nella quale sono emersi dei temi sul rispetto reciproco, tolleranza e collaborazione per applicare i principi comuni dell'Islam e del Cristianesimo nella vita quotidiana.

***************

Incontro venerdì 14/02/2014

***

"LA NOTTE DEL DESTINO E’ STATA LA CAUSA DEL MIO ABBRACCIO ALL’ISLAM"

Si parla del Dott Abdullah Buffarini uno dei personaggi piu illustri a Vicenza, la storia della sua conversione All’islam è coinvolgente, mentre soggiornava in America, un gruppo di preti lo ha invitato ad uscire con loro Per fare una passeggiata, sono andati nel mezzo del deserto per contemplare il cielo di notte, si sono sdraiati per vedere le stele quando all’improviso hanno visto una luce acceccante, i preti si sono prosternati subito, Buffarini ha chiesto loro delle spiegazioni, uno di loro gli ha detto che i musulmani hanno una notte che si chiama la notte del destino nella quale fu rivelato il santo corano sul profeta Mohamed (sdpb) in una notte del mese di ramadan, questo evento ha colpito il Dott Buffarini il quale ha cominciato ad interessarsi dell’islam, in questo momento il Dott Buffarini è tra i musulmani piu attivi della comunita islamica di Vicenza, possiede un blog che si chiama”in difesa dell’islam” , sassanta mila visitatori di tutto il mondo hanno cliccato sul suo sito, ha scritto piu di sei libri e ne ha letti oltre un centinaio, fra i libri che predilige di piu quello “i venti principi “ di Hassen Al Banna con la spiegazione di Dott Al Karadaoui. Il Dott Abdullah Buffarini ha aperto la propria casa a tutti i musulmani di Vicenza per offrire loro i suoi servizi per il motivo che è laureato in giurisprudenza, ha assunto l’incarico di presidente della giunta comunale a Vicenza e molti altri incarichi. Oggi gli abbiamo recato visita, io il fratello suleiman (ex sindaco nel vicentino) il fratello Mohamed El maliki il responsabile mediatico del c.c. islamico di Vicenza e lo stesso presidente di codesto centro. Chiediamo ad Allah l’onnipotente che lo possa aiutare nella sua missione e di guidarlo nella retta via, amen. Traduttore: Krica Riad


Convegno regionale U.C.O.I.I. del 27 dicembre

Per vedere altre foto clicca su "Attività"

Il centro culturale islamico...prossimamente!